fbpx

Carlotta-Borasio
Mi chiamo Carlotta Borasio, vivo a Torino, mi occupo di comunicazione e aiuto persone che fanno un mestiere creativo a raccontarsi e promuoversi online.

Scrivi, disegni, cucini, crei prodotti bellissimi, ma ti sembra che nessuno se ne accorga? Internet può aiutarti a raccontare quello che fai, ma ci vuole un piano e tanta costanza. Io ti aiuto a scoprire come, quando, dove e cosa raccontare del tuo lavoro, mettendo in luce la tua creatività e il tuo talento.

Qui ti spiego cosa significa in pratica.

Ho sempre pensato che non esistono lavori noiosi, ma solo persone che non sanno raccontarlo. Sono proprio le storie a rendere tutto più interessante. E con le storie io ci lavoro da un po’.
Nel 2008 inizio la mia collaborazione con Las Vegas edizioni occupandomi della comunicazione (sito, ufficio stampa, social media).
Dal 2018 insegno come (Pro)muoversi sui social agli studenti della Scuola Internazionale di Comics di Torino.

Tra le mie cattive abitudini ci sono: leggere libri, mangiare le liquirizie salate, affogarmi di serie TV, guardare Molang con mia figlia, scrivere racconti lunghi con mio marito.

Mi trovi anche su:

Smettila di trattare male i tuoi clienti

C’è una cosa che mi perplime sempre tantissimo quando vado nei negozi o sugli account/pagine online di professionisti e imprenditori: trovare un tono di fastidiosa sufficienza (se va bene) o di aggressiva insofferenza e perculo nei confronti dei clienti (che qui uso...

Chiedere scusa: non metterti al centro

Chiedere scusa è difficile, ci viene insegnato da bambini ma spesso in maniera sbagliata. Facciamo un casino, l’adulto ci acchiappa e ci ringhia: “Ora chiedi scusa”. Chiedere scusa diventa una punizione, una marcia della vergogna, un obbligo. Il risultato è che quando...

Di cani usciti: ossia di quanto abbiamo bisogno di persone competenti in Rete

Ecco l’ennesima polemica su cosa ha detto/non detto l’Accademia della Crusca.
Però qualcosa dal PetalosoGate è cambiato. Ed è grazie al fatto che l’Accademia della Crusca ha contrastato la faciloneria, il complottismo e l’indignazione sul suo stesso campo.
Abbiamo bisogno che le persone competenti parlino, spieghino, occupino spazi.